chi sono

Nasco architetto, ma ho sempre amato le parole. Per questo, subito dopo la laurea, scelgo di passare a un’altra forma di creatività: quella pubblicitaria. Divento copywriter e per dodici anni bazzico nel giro delle grandi multinazionali: JWT, Leo Burnett, DDB. Scrivo campagne di successo per noti marchi e vinco qualche bel premio di creatività, tra cui Epica, Eurobest, ADCI e New York Festivals.

Nel 2011, dopo aver girato una serie di spot con Paolo Virzì, Silvio Soldini e Francesca Archibugi, nonché ispirata da un incontro surreale con Nanni Moretti, decido di avvicinarmi professionalmente a un nuovo campo, altra mia passione: il cinema. Intensifico i contatti con registi e case di produzione, esploro il mondo del documentario e soprattutto scrivo la sceneggiatura di un lungometraggio.

È l’inizio di un cambio di prospettiva. Poco dopo scendo dalla giostra delle grandi agenzie e rientro nella mia Emilia con la voglia di dedicarmi a progetti indipendenti, che esulino dal mondo della pubblicità. Inizia un periodo faticosissimo ma entusiasmante, in cui riesco a conciliare il lavoro freelance, la collaborazione con alcune agenzie bolognesi e l’avviamento di Ferrara Off, un nuovo spazio teatrale sulle mura di Ferrara.

Poi, a fine 2015, succede che sento di nuovo il richiamo delle agenzie grandi, insieme a un bisogno di maggiore stabilità. E proprio in quel periodo succede che in Canali&C, agenzia di comunicazione leader nel settore del Retail Real Estate, cerchino un copywriter architetto – un architetto di parole!

Accetto la sfida, ed è solo l’inizio: in breve mi ritrovo account e strategic planner.
Che cosa succederà ancora?

Nothing of me is original. I am the combined effort of everybody I’ve ever known.
[Chuck Palahniuk]

BEATRICE FURLOTTI CV GIU17

io vela

Annunci